SEZIONI NOTIZIE

Fofana-Toro: se non c'è la contropartita giusta, serve il cash

di Claudio Colla
Vedi letture
Foto

Mentre l'Udinese non sembra più interessata a Vittorio Parigini, o quanto meno non a un suo inserimento nella trattativa per Seko Fofana, e mentre, al contempo, Kevin Bonifazi è passato dallo status di sicuro partente a quello di risorsa da sfruttare al massimo per la retroguardia granata, specie considerata la tendenza all'infortunio che continua a caratterizzare Lyanco, la trattativa tra il Toro e il club friulano per il possibile passaggio del 24enne centrocampista franco-ivoriano in maglia granata sembra essersi arenata. Fissa a 12 milioni di euro la richiesta delle Zebrette, pronte a privarsi di un attuale titolare, specie in presenza della ancora possibile partenza di Rodrigo De Paul, solo di fronte a un consistente incasso in termini di liquidi.

L'arrivo del brasiliano Walace dall'Hannover 96, insieme all'inamovibilità di Mandragora, potrebbe indurre i bianconeri, sebbene in misura ridotta, ad allargare le maglie delle possibilità di trattativa. Tuttavia, a meno che il Toro non sia pronto a sacrificare una delle proprie prime linee, o quanto meno "prime e mezzo" (Rincòn e Lukic sono profili che potrebbero interessare), il focus resta quanto il Toro sia disposto a spendere, in termini di puro denaro, per assicurarsi Fofana. Un centrocampista in più serve, come il pane o quasi: pur col tridente, un infortunio, una squalifica, e la coperta rischia di diventare immediatamente corta. E, a meno che Mazzarri non decida di confermare Gustafson come quinta scelta sulla mediana, ammesso si decida che la rosa di metà campo vada bene così anche in termini qualitativi, la strategia potrebbe essere quella di "tirarla lunga" fino a inizio settembre, e tentare di chiudere sotto i 10 milioni: una cifra tra i sette e mezzo e i nove garantirebbe un'ottima plusvalenza, avendo l'Udinese prelevato Fofana dal Manchester City per 3 milioni e mezzo, ormai tre anni fa, e un contesto che dovrebbe soddisfare le aspettative del giocatore. L'unica altra vera pretendente, al momento, sembra la Lazio, la quale, come il Toro, non pare abbia fretta di mettere nero su bianco. Che poi nelle prossime due settimane non emerga qualche nuovo nome, magari in saldo, che possa attrarre Cairo e Bava, oltre naturalmente a Mazzarri, è tutto un altro paio di maniche.


Altre notizie
Domenica 18 Agosto 2019
15:38 Mercato Dimarco nel mirino dell'Atalanta, accordo ad un passo 15:30 Notizie Liverpool, l’incredibile papera del portiere Adrian sul gol di Ings 15:00 Avversarie Wolver, per le sfide con Manchester United e Torino forse la stessa formazione 14:30 Primo Piano Quale centrocampo da opporre al Wolverhampton? 14:00 Mercato Roma, Petrachi vorrebbe dare a Fonseca un suo colpo ai tempi del Torino 13:30 Notizie Honduras, morti e feriti nel derby tra Olimpia e Motagua 13:00 Notizie Possibile accelerata del Torino per Verdi. C'è un motivo 12:30 Avversarie Wolver, Espírito Santo: “Non mi piace sognare, ma alzare il … sedere e lavorare” 12:00 Notizie Per Moggi il Milan difficilmente andrà oltre la lotta per l’Europa League 11:30 Mercato Un obiettivo di mercato del Toro potrebbe andare in Turchia? 11:00 Primo Piano Izzo recuperato, contro i Wolves chi sarà il terzo di difesa? 10:30 Mercato Napoli, Lozano potrebbe sbarcare martedì. Sarà la svolta per sbloccare Verdi? 10:00 Mondo e Storia Granata 80 anni fa nasceva una delle icone della storia granata 09:30 Notizie Il Corriere dello Sport: Bonifazi in cima ai desideri della Fiorentina 09:00 Notizie La GdS: "Zaza, l'uomo in più del Torino adesso viaggia a ritmo Belotti" 08:30 Notizie Corriere di Torino: "Toro, voto di fiducia" 08:00 Notizie La Stampa: “Dal Toro all’azzurro: il volo di Belotti e Zaza” 07:30 Notizie Tuttosport: “Eurotoro 13 mila biglietti venduti in 48 ore!” 07:00 Esclusive ESCLUSIVA TG – P. Paganini: “Il Toro ha la convinzione e i giocatori per eliminare il Wolverhampton” 06:30 Primo Piano Fin qui ben in Europa, ma contro il Wolverhampton serve tutto un altro Toro