Frustalupi: “Bene i tre punti, ma possiamo fare meglio. Alla Juve penseremo da martedì”

di Elena Rossin
Fonte: Elena Rossin
articolo letto 5847 volte
Foto

Il vice allenatore del Torino, Nicolò Frustalupi, in conferenza stampa ha commentato la vittoria sull’Udinese. Ecco che cosa ha detto:

Complimenti per la vittoria.

“Grazie”.

Nel primo tempo non avete concesso all’Udinese neppure un tiro in porta e dopo la gara con il Sassuolo siete cresciuti a livello tattico e fisico, ma che cosa non le è piaciuto oggi del Torino?

“Prima di tutto bisogna dire che in questo momento l'Udinese è una squadra come dimostra e da quando è arrivato Oddo, mi sembra, che sia la terza in classifica per risultati, quindi, se abbiamo sofferto un po' è anche merito degli avversari. Oggi all'inizio ci hanno messo un po' in difficoltà, però, poi la partita è andata come volevamo".

Al di là della legittima soddisfazione per il risultato Mazzarri alla vigilia aveva detto che volevate vedere se la squadra riusciva a dare continuità alla prestazione con la Sampdoria e ad essere più cinica sotto porta. Da questo punto di vista quanto siete soddisfatti?

"Sicuramente è stato importante aver conquistato oggi tre punti e per questo siamo abbastanza soddisfatti, però, possiamo sempre fare meglio perché, soprattutto nel secondo tempo, abbiamo avuto diversi contropiede che potevamo sfruttare meglio segnato più gol. Detto questo, come ho detto prima, bisogna riconoscere il valore dell'avversario, quindi, sia con la Sampdoria, che è più avanti di noi in classifica, sia oggi con l'Udinese la squadra, secondo me, ha fatto due ottime prestazioni paragonandole al valore degli avversari".

Da quando siete arrivati voi il Torino in casa non ha più subito gol e Burdisso sembra aver preso le chiavi della difesa. Quanto è importante Burdisso per la squadra?

"Burdisso è un giocatore importante non sta a me dirlo, ma credo che tutti in difesa abbiamo fatto un'ottima partita. Nicolas è un giocatore che non devo scriverlo io per il suo passato, ma anche per il suo presente, quindi, è giusto che guidi la difesa perché in campo i giocatori devono parlarsi tra di loro: lui e N'Koulou quando si gioca a quattro e e anche con Moretti quando si gioca tre. Da questo punto di vista siamo contenti, ma si può sempre fare meglio".

Ieri Mazzarri le ha augurato di essere fortunato e lo è stato.

"La fortuna è importante".

Nell'episodio del gol dell'Udinese poi annullato dal Var il gioco del Torino è cambiato e che cosa è accaduto visto che i bianconeri hanno contestato quanto avvenuto?

"Se ho capito bene c'era fuorigioco di Maxi Lopez e poi c'è stato un blocco su Burdisso. Il Var è molto utile ed era toccato anche a noi contro il Bologna quando era stato dato il rigore, penso che sia una bella invenzione e bisogna accettarne le decisioni. Sicuramente l'episodio ha un po' svegliato i ragazzi che erano partiti un po' contratti e penso che dopo effettivamente la partita sia cambiata. Siamo stati bravi e faccio i complimenti alla squadra".

Oggi sono stati confermati i progressi  già visti con la Sampdoria: squadra equilibrata, più solida e persino capace di addormentare in certi momenti la partita. Il Torino, secondo lei, è stato migliore rispetto alla gara con i blucerchiati?

"Mi devo ripetere, l'Udinese era pericolosa per il momento che stava attraversando perché da quando ha cambiato allenatore ha proprio cambiato marcia per cui i nostri ragazzi sono stati proprio bravi e penso che anche con la Sampdoria lo siano stati, anche se magari qualche episodio  avrebbe dovuto essere sfruttato meglio. Credo che tutte e due le prestazioni sono state ottime".

Nella ripresa il passaggio dal 4-3-3 al 3-5-2 era preventivato oppure è stata una sua iniziativa?

"Avevamo già previsto tutto con il mister e com'era già accaduto altre volte se si fossero verificate certe situazioni ti sarebbe potuto giocare con la difesa a tre e queste situazioni si sono verificate. Essendo in vantaggio di due gol abbiamo pensato che in determinate condizioni si sarebbe potuto difendere a cinque contro quest'Udinese, che è sempre molto pericolosa, e l'abbiamo fatto in modo da poter ripartire in contropiede e chiudere definitivamente la partita. Le occasioni le abbiamo anche avute, ma magari siamo stati frettolosi nelle scelte finali".

Oddo ha detto che per lui questa sconfitta non è uno spartiacque per l'Europa e l'Udinese ci può credere ancora, ma per il Torino è un incentivo?

"Per quel che riguarda l'Europa noi pensiamo partita per partita è quello che verrà alla fine si vedrà. Per l'Udinese non so, noi parliamo per noi".

Sempre Oddo ha detto che con un Belotti così si può solo cercare di provare a prenderlo. Un suo sulla prestazione e sul gol di Belotti.

"Belotti ha fatto un gol straordinario e siamo contenti che sia rientrato, ma chiaramente non può essere ancora al cento per cento poiché sono solo due settimane che si allena con la squadra e sicuramente farà ancora dei progressi, comunque oggi ho disputato una grande partita e non solo per il gol perché ha aiutato la squadra, ha dato profondità ed è stato molto bravo".

Quanto è importante Falque dal punto di vista tattico per la squadra?

"Iago sta attraversando un ottimo momento di forma. Credo che si sia sacrificato anche nel modo giusto come devono fare gli attaccanti e di questo ne beneficia tutta la squadra perché i miglioramenti in fase difensiva partono dagli attaccanti. Sicuramente se gli attaccanti danno una mano alla squadra la fase difensiva se ne giova, quindi, al di là di quello che fa nel possesso palla bisogna guardarlo quando difende. Oggi tutti gli attaccanti si sono dati da fare ed è ciò che devono fare gli attaccanti nel calcio moderno, quindi, c'è stato un'ottima prestazione anche da parte di Falque".

Oggi Falque ha ricoperto tre ruoli: è partito come esterno, ha fatto il trequartista ed ha finito come seconda punta. In quale delle tre situazioni si è espresso meglio?

"E' un giocatore eclettico e può ricoprire tutti e tre i ruoli, ma credo che in carriera abbia giocato più spesso come largo a destra, posizione nella quale oggi ha iniziato la partita. Ma come ho detto, è un giocatore duttile e può ricoprire tutti e tre i ruoli".

In vista del derby non ci sono infortunati tranne lyanco, non ci saranno squalificati e il morale è alto. Sono le condizioni migliori per preparare la partita con la Juventus?

"Al derby ci penseremo domani perché fino ad oggi eravamo concentrati sull'Udinese e al derby appunto ci penseremo da domani. Come ho detto, la squadra è in grande forma e il derby è sicuramente una partita molto importante per i tifosi e per tutti noi e martedì, quando riprenderemo gli allenamenti, ci concentreremo sulla Juventus".


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI